Turchia

Regione pilota - Turchia

Regione pilota

Turchia

La Turchia è un Paese transcontinentale che si estende tra la penisola anatolica, nell'Asia occidentale, e la Tracia, nell'Europa sudorientale, fungendo da ponte tra Europa, Asia centrale, Medio Oriente e Mediterraneo. La sua superficie è di 783.577 km2. Le regioni costiere lungo i mari Egeo e Mediterraneo godono di un clima mediterraneo temperato, con estati calde e secche e inverni umidi e miti. In particolare, la Turchia egea e le zone aride dell'Anatolia centrale e settentrionale sono ricche di varietà di colture come il grano, il farro, l'orzo, le castagne, il sesamo, il timo, l'uva e il melograno. Queste colture hanno un'importanza globale e sono fondamentali sia per la sicurezza alimentare nazionale che per la salute alimentare.

L'ecosistema della steppa, in particolare in Turchia, è fondamentale dal punto di vista economico, poiché molte colture alimentari si sono evolute da parenti selvatici originari di questa regione. La coltivazione del pistacchio è diffusa in Paesi come l'Iran, la Siria, la Turchia e gli Stati Uniti, con l'Iran che contribuisce a circa la metà della produzione mondiale (53,2%). Gli Stati Uniti seguono con circa il 22,3% della produzione mondiale e la Turchia si colloca al terzo posto con il 12,7%. Nonostante questi Paesi vantino le maggiori superfici e il maggior numero di alberi di pistacchio, la produzione rimane bassa in Turchia e in Siria. La Turchia è unica per la coltivazione di pistacchi in ambienti difficili, caratterizzati da climi secchi e terreni poveri, rocciosi e calcarei.

I terreni agricoli turchi presentano una maggiore vulnerabilità a causa di fattori quali l'insediamento umano storico, le pratiche di utilizzo del suolo non sostenibili, la resistenza ai metodi di gestione conservativa del territorio, le variazioni topografiche, la deforestazione e il cambiamento dei modelli climatici. Lo sfruttamento intensivo dei terreni e l'uso eccessivo di fertilizzanti a base di NH4 hanno portato all'acidificazione del suolo. Pertanto, è urgente una gestione efficace del suolo e delle risorse idriche per combattere il degrado del territorio e migliorare la capacità dei suoli turchi per un'agricoltura e una produzione alimentare sostenibili.

Il biochar, un promettente miglioratore del suolo con il potenziale di contrastare il degrado del terreno, migliorare l'agricoltura e affrontare il cambiamento climatico, rimane sottoutilizzato nei terreni agricoli turchi a causa di problemi di scalabilità. Allo stesso modo, l'aceto di legno, un sottoprodotto della pirolisi, è promettente come miglioratore del suolo e biopesticida, ma è attualmente poco esplorato in Turchia.



© WIP Munich 2023
This project has received funding from the European Union’s Horizon Europe research and innovation programme under grant agreement No 101114608. The information and views set out in this report are those of the author(s) and do not necessarily reflect the official opinion of the European Union. Neither the European Union institutions and bodies nor any person acting on their behalf may be held responsible for the use which may be made of the information contained therein.


Vi chiediamo di acconsentire all'utilizzo di cookie e strumenti di analisi per la valutazione anonima dell'utilizzo del nostro sito web, in modo da rendere la visita al nostro sito il più confortevole possibile e migliorare ulteriormente la nostra offerta.

Potete trovare maggiori informazioni nella nostra Privacy Policy.

Modifica impostazioni

È possibile disattivare i seguenti strumenti di tracciamento opzionali:

cookie (di sessione) necessari per il funzionamento del sito web
Matomo Servizio di analisi web
Youtube Servizio Video Player

indietro